di MARIO MATTEI

Con l’Agenda Brescia uno sguardo sul futuro

Sostenibilità 03 nov 2022

Il cammino è appena cominciato, eppure la strada percorsa non è certamente poca. Il Gruppo Athesis, cui fanno capo Bresciaoggi, l’Arena di Verona e il Giornale di Vicenza, ha lanciato a partire dall’anno scorso un «progetto sostenibilità» che si è via via declinato in una serie di idee e iniziative di diverso calibro ma con una matrice comune. I temi scelti e proposti ai nostri lettori, sia sul quotidiano che su tutti i nostri mezzi web e social, si incanalano infatti sui temi «green» più attuali: una sensibilità che non deve mancare e che una media company come la nostra ha fatto propria rilanciandola più volte e in diversi modi in questi mesi. Dapprima con una serie di pagine a cadenza settimanale sui temi del momento, poi con diversi inserti ed eventi dedicati, ma poi soprattutto con l’idea «Agenda Brescia», lanciata alla fine del 2021 e ora elemento concreto dell’offerta targata Bresciaoggi.

Un breve riepilogo per ricordare le tappe che hanno portato alla nascita del progetto. Tutto nasce nel maggio del 2021, traguardando gli obiettivi a lungo raggio: partendo dai 17 obiettivi che l'Onu si è proposta di realizzare entro il 2030, la nostra media company si è data un obiettivo molto concreto e ambizioso ovvero da una parte, fare il punto della situazione sui tre grandi temi della sostenibilità che più toccano i territori e le loro comunità - città, impresa, parità; e dall'altra, definire per ciascun territorio l'Agenda dei prossimi anni, coinvolgendo nel percorso gli stakeholder pubblici e privati e il grande pubblico. Così Bresciaoggi si è mosso e dopo aver raccolto le indicazioni del territorio ha stilato l’Agenda Brescia per l’anno in corso (nella tabella a fianco sono indicati gli obiettivi e gli enti proponenti): ambiente, risparmio idrico, fonti rinnovabili di energia, per citare alcuni dei temi, ecco dove è il nostro focus per l’anno in corso. E il nostro compito è proprio quello di verificare che quelo che è stato segnalato dagli stakeholder del territorio proceda secondo le tempistiche indicate. Per questo, mensilmente il nostro quotidiano ha dato conto dell’aggiornamento di come stiano procedendo i diversi progetti: e se i primi due analizzati firmati Coldiretti (con l’aumento dell’installazione di impianti fotovoltaici, di biometano e biogas) e A2A (con la riduzione degli sprechi della rete idrica) hanno la conclusione fissata a lungo termine (ovvero al 2030, con l’«avanzamento lavori» arrivato al 10%), ben più osservabile è quanto sta facendo il Comune di Brescia per quello che riguarda l’obiettivo della piantumazione di 8.000 nuovi alberi in città entro la fine dell’anno. Obiettivo ampiamente alla portata, considerato che a luglio era già stato superato il 50% dell’operazione e che l’augurio era di continuare su questa strada. Manca adesso l’aggiornamento sugli ultimi due obiettivi, entrambi «bis» per quello che riguarda chi li ha presentati: la Loggia si è proposta come obiettivo a lungo termine (traguardo 2030) la completa riqualificazione sociale di via Milano mentre A2A la creazione di accumuli di acqua calda nella centrale nord (termine 2023). Bresciaoggi continuerà ancora il monitoraggio (rispetto ai primi tre obiettivi sono state pubblicate sul nostro quotidiano le prime tre puntate di aggiornamento la seconda domenica del mese a luglio, agosto e settembre) e prossimamente questo «check» andrà a concludersi, ma certamente non abbiamo l’intenzione di stare fermi. Così è ormai in cantiere la lavorazione dell’Agenda Brescia per il 2023.

L’idea alla base del nuovo progetto è in sostanza la medesima: nelle scorse settimane abbiamo contattato i protagonisti del cambiamento operativi sul territorio bresciano, chiedendo loro di raccontarci il proprio impegno sui temi della sostenibilità. La risposta è stata soddisfacente, e stiamo organizzando il materiale ricevuto, davvero ricco e interessante. Una volta riordinata la mole di dati e informazioni raccolta, questa verrà rielaborata e verrà dato avvio alla campagna per andare a selezionari i nuovi obiettivi che faranno parte della nostra agenda per l’anno prossimo. Non c’è che dire: si tratta di un’avventura impegnativa e che vede tutti impegnati in prima linea ma è uno sforzo che, ne siamo convinti, alla fine pagherà. La sensibilità su questi temi a poco a poco aumenta, ce ne stiamo accorgendo noi che per primi, come gruppo editoriale, abbiamo lanciato un’operazione del genere sul territorio della provincia. E siamo convinti che con la collaborazione di tutti questa sfida fondamentale, che ha il suo traguardo lontano ma che si vince giorno dopo giorno, passo dopo passo, non può che portare a risultati positivi.

Un progetto di
Main partner
Partner
Event Supporter
Media Partner