«Vicinanza alle esigenze che cambiano»

LA BANCA 20 mag 2022
Paola Buizza   mentre intervista Hermes Bianchetti di banca Valsabbina Paola Buizza mentre intervista Hermes Bianchetti di banca Valsabbina

Nell’intrigata e necessaria svolta del secolo, quella verso la sostenibilità, anche il mondo bancario avrà un ruolo da protagonista. Un tema attuale e futuro da declinare essenzialmente su diversi aspetti: in primo luogo finanziario. Ma mai e poi mai si dovranno sottovalutare le sfere ambientali e sociali. Un appello a cui la Banca Valsabbina, partner dell’evento di Bresciaoggi di ieri al teatro Der Mast, ha risposto con prontezza, perché - sottolinea Hermes Bianchetti, responsabile della Divisione business dell’istituto popolare bresciano fondato nel 1989 - «il nostro compito principale è di garantire ai clienti una sostenibilità finanziaria, ma senza sottovalutare la risposta quotidiana in termini ambientali e sociali». Progetti già in atto e capaci di generare benefici da ambo le parti. «Durante il primo lockdown abbiamo deciso di agire pur mantenendo l’indispensabile e immancabile rapporto umano che ci contraddistingue: caratteristiche tradizionali che ci appartengono e che continuano ad essere un punto di forza - spiega Bianchetti -. Il primo passo è stato orientato all’innovazione, digitalizzando processi e comunicazione per ridurre l’impatto ambientale». Un cambio di rotta sicuro e imponente. «Prima della pandemia l’80 per cento delle comunicazioni ai nostri clienti avveniva su formato cartaceo - specifica -, oggi il 90 per cento è digitale: un’inversione repentina e determinata che ha apportato vantaggi non solo a noi ma anche agli stessi destinatari». Un’attenzione alla sostenibilità che nel tempo «diverrà un elemento centrale delle strategie e un riferimento costante nel processo di transizione verso un’economia green». Un cambiamento già nell’aria attraverso l’efficientamento energetico, la particolare attenzione allo smaltimento dei rifiuti nelle diverse filiali, nel servizio offerto con la misura governativa del 110%. «Un’agevolazione che fa gola a tutti i proprietari di un’abitazione - specifica il responsabile Business -: pensate che solo ad inizio anno il nostro settore bancario ha acquistato 150 milioni di euro di credito d’imposta, che viene affiancato a una piena e molto più estesa assistenza al cliente, che comprende una serie di attività non solo burocratiche, per garantire un servizio distintivo sul nostro territorio». Un’attenzione rivolta pure al comparto agricolo attraverso l’istituzione di un nuovo settore dedicato allo sviluppo di relazioni e di operazioni in ambito agricolo, «e l’assunzione di professionisti ed esperti, così da soddisfare i bisogni e le esigenze sempre più puntuali di una clientela sensibile alle tematiche ambientali». •. Ma.Gia. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Contenuti correlati

Un progetto di
Main partner
Partner
Event Supporter
Media Partner