«Aziende sostenibili ecco la nostra ricetta»

14 lug 2021
Rita Valoroso, manager che opera in Nhabi con alle spalle vent’anni di esperienza nel settore sostenibilità Rita Valoroso, manager che opera in Nhabi con alle spalle vent’anni di esperienza nel settore sostenibilità

Il mercato lo richiede già da tempo, in alcuni settori la legislazione la impone in modo stringente, ma la sostenibilità deve diventare una scelta strategica dell’azienda perché sia davvero efficace e non solo di facciata. Nhabi (New habits for new habitats) è una società bresciana nata quattro mesi fa con l’obiettivo di progettare e realizzare strategie che generino valore per l’impresa e abbiano un impatto positivo sul pianeta e sulle persone. In questi primi mesi Nhabi ha già incontrato oltre quaranta aziende per raccontare la sua filosofia di società benefit (un’evoluzione del concetto di azienda che integra nel proprio oggetto sociale, oltre ad obiettivi di profitto, anche finalità di beneficio comune) e proporre la propria consulenza strategica alle aziende e ai loro brand affinché diventino parte attiva del cambiamento. Il percorso di consulenza «Nhabi Method» copre tutti gli ambiti della sostenibilità, prevede cinque fasi (formare, analizzare, progettare, realizzare e comunicare) e si pone l’obiettivo di misurare e rendicontare i risultati raggiunti in modo trasparente a tutti gli stakeholder. «E’ vero che il mercato già da tempo chiede una svolta decisa delle aziende verso la sostenibilità - commenta Francesca Tocchella, amministratrice delegata di Nhabi - ma siamo sempre più convinti che la differenza possa essere fatta dagli imprenditori più illuminati che, al di là dei ritorni economici che pure ci sono, facciano una scelta etica rivolta al futuro». Diventare davvero sostenibili, però, oggi conviene sempre di più: «Abbiamo individuato tre punti focali da cui le aziende possono trarre concreti benefici, economici e non solo, se abbracceranno il cambiamento verso la sostenibilità», spiega Rita Valoroso, la manager scelta da Nhabi per la sua esperienza internazionale di oltre 20 anni in ambito sostenibilità. «Il mercato sta cambiando le regole e a breve determinerà le condizioni minime per partecipare alla competizione, e solo chi sarà realmente sostenibile potrà sopravvivere. Sempre più le aziende che lavorano all’interno di contesti di filiera di multinazionali, ma anche in mercati come ad esempio quelli del Nord Europa, sono chiamate a rispondere a rating di sostenibilità fondamentali per la valutazione del rischio lungo la filiera di approvvigionamento. Il peso dei temi della sostenibilità ha un valore essenziale – aggiunge Valoroso – e chi non raggiunge i criteri minimi richiesti dal proprio cliente, potrebbe essere escluso dalle vendor list o sottoposto a piani di azioni correttive. Altro punto fondamentale in favore del cambio di strategia sta nel fatto che aziende non sostenibili non sono attrattive per risorse umane di alto profilo». L’esperienza di Nhabi conferma che le figure tecniche altamente specializzate scelgano aziende green e con una comprovata responsabilità sociale: «Non è più sufficiente essere ben retribuiti per accettare un posto di lavoro, oggi la scelta comprende anche la presenza o meno di una sostenibilità aziendale e, per essere attrattivi bisogna tenerne conto» spiega ancora la manager. In ultimo, anche il mercato finanziario fa la sua parte per spingere le aziende ad abbracciare un percorso di conversione: «Sempre più fondi finanziari, investitori e banche chiedono la presenza di strategie di sostenibilità alle aziende che vogliono sostenere» conferma Rita Valoroso. Nhabi, però, non è soltanto consulenza. Il suo è un approccio pratico e concreto che comprende tutto il processo di transizione, inclusa l’erogazione di corsi e-learning e la formazione finanziata progettata ad hoc per l’impresa. Inoltre da settembre sarà pronto un catalogo di prodotti destinati alla regalistica aziendale provenienti dall’economia circolare, in particolare da materie prime seconde a cui è stata data nuova vita per realizzare oggetti di design.•.

In collaborazione con