COP26, un osservatore bresciano a Glasgow

agenda brescia 03 nov 2021

C’è anche una presenza bresciana alla COP26, la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima che è in corso a Glasgow. È quella di Carlo Piantoni di Fondazione Cogeme che presenzia come uditore ai lavori. La conferenza è un momento cruciale in cui i Governi di tutto il mondo si sono dati appuntamento (pur con assenze molto pesanti come quella della Cina), a cinque anni dalla COP di Parigi, per fare il punto circa la situazione critica del pianeta con l’obiettivo di instradare le necessarie correzioni di rotta. Piantoni, referente dei progetti ambientali di Fondazione Cogeme e conosciuto per il suo impegno anche come presidente dell’Associazione RIUSO3 (sui territori di Rovato e Lograto) durante la sua permanenza a Glasgow ha accettato di assumere anche le vesti del «cronista corrispondente» raccontando in esclusiva, giorno dopo giorno, i temi «caldi» del summit, attraverso una sorta di «diario di bordo» sui canali social di Fondazione Cogeme (Facebook e Linkedin).

«Grazie alle solide relazioni intessute in questi anni di lavoro, soprattutto con Kyoto Club - sottolinea Carlo Piantoni - ci è stata offerta la possibilità di prendere parte agli appuntamenti della COP26 a presidenza inglese. Un grande onore per me e che mi sento di condividere con tutta la struttura e il consiglio di amministrazione di Fondazione Cogeme i quali mi hanno sin da subito investito di questo incarico». Lunedì racconta Piantoni, «all’interno della Blue Zone, sono iniziate le trattative tra i leader mondiali sospinti dal claim “It’s Time to Act” per definire azioni ambiziose e concrete rivolte alla riduzione degli impatti negativi verso il Pianeta». La COP26 arriva in un anno ricco di appuntamenti di rilievo internazionale come la Pre-COP e la COP dedicata ai giovani a presidenza italiana che si è svolta recentemente a Milano, così come gli eventi del Festival dello Sviluppo Sostenibile promosso da ASviS e a cui la stessa Fondazione Cogeme, insieme ad Acque Bresciane, ha partecipato con l’iniziativa «Acqua e sostenibilità» svoltasi a Coccaglio, lo scorso 12 ottobre. Grande soddisfazione e aspettative giungono infine dal presidente di Fondazione Cogeme, Gabriele Archetti: «Serve darsi obiettivi ambiziosi per ottenere risultati di tale rilievo. Non appena sono stato informato di questa opportunità ho pensato che il consiglio di amministrazione potesse sostenere questa partecipazione proprio perché utile ai nostri territori in termini di crescita, consapevolezza e informazione».

In collaborazione con