«La sostenibilità va costruita ogni giorno»

20 ott 2021
Alberto Pluda: è il leader della Cisl provinciale Alberto Pluda: è il leader della Cisl provinciale

Anche il sindacato si fa protagonista della svolta ambientale. Ne è un esempio la Cisl di Brescia, che guarda allo sviluppo sostenibile come uno dei temi cardine su cui puntare nei prossimi anni, così come per tutti i 17 obiettivi fissati dall'Onu per il 2030, in cui «ci sono tante questioni che appartengono agli impegni di sempre della Cisl: riduzione delle disuguaglianze, affermazione della dignità di una persona, parità di genere», sottolinea Alberto Pluda, segretario generale della Cisl provinciale. Il sindacato, a livello lombardo, ha anche partecipato attivamente al «Festival dello sviluppo sostenibile», la cui quinta edizione, organizzata dall’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, è andata in scena dal 28 settembre al 15 ottobre. La Cisl lombarda ha portato il suo contributo con due appuntamenti: il primo, il 7 ottobre, dedicato alla tutela dei lavoratori rispetto alle decisioni delle multinazionali; il secondo, il 13 ottobre, alla transizione ecologica e ai suoi effetti e economici e sociali. La Cisl nazionale, al pari degli altri sindacati confederali, ha anche elaborato le «Linee guida per l'iniziativa sindacale nella green economy», per promuovere un percorso negoziale e partecipativo che coinvolga non solo l'industria, ma anche i sindacati, che vogliono proporsi come protagonisti del cambiamento, «accogliendo la sfida e proponendosi come partner in grado di concepire per primo proposte originali a favore dello sviluppo sostenibile». Anche la sezione territoriale del sindacato con quartier generale in via Altipiano d'Asiago, in città, sta aumentando l'impegno per espandere la cultura della sostenibilità, sia tra i lavoratori che all'interno della società civile, come dimostrano alcuni convegni organizzati sul tema: l'ultimo, datato ottobre 2019 (il Covid ha poi reso impossibile organizzarne altri) è stato quello che ha coinvolto Leonardo Becchetti al Centro pastorale Paolo VI, intitolato «Per un'economia sostenibile». Ma l'attenzione è rivolta anche alle piccole azioni di tutti i giorni: «Un'iniziativa che riguarda il breve periodo riguarda il consumo responsabile: dalla riduzione dell'impiego di carta nei nostri uffici ad un occhio agli sprechi, fino all'impiego della tecnologia per una maggiore efficienza energetica», sottolinea Pluda. Ma la Cisl bresciana ha in programma anche un intervento ben più impattante dal punto di vista ambientale: è il progetto per l'autosufficienza energetica della sede di via Altipiano d'Asiago, con «l'installazione di un impianto fotovoltaico che eviterà l'emissione di quasi 61 mila chili di emissioni di anidride carbonica ogni anno – svela il leader della Cisl territoriale -. È come realizzare un nuovo bosco di 759 alberi: sono piccoli contributi concreti per un futuro davvero più sostenibile», contributi che anche una realtà come quella sindacale ha tutta l’intenzione di portare avanti per la svolta sostenibile di Brescia. Dai progetti a corto raggio a missioni più ampie: la Cisl provinciale si mostra in prima fila per dare il proprio sostegno alla svolta green attesa per i prossimi anni.•. © RIPRODUZIONE RISERVATA

In collaborazione con