Gli Osservatori: così l’ambiente viene vigilato dai cittadini

Cittadinanza attiva 25 mag 2021
Impianto per l'abbattimento del cromo Impianto per l'abbattimento del cromo

Cinque Osservatori per tenere sempre sotto controllo lo stato di salute dell'ambiente. Il Comune di Brescia, nel corso degli ultimi anni, ha dato (o, in certi casi, ridato) vita a gruppi di lavoro che, coinvolgendo tutti i portatori di interesse, focalizzano la loro attenzione su alcuni dei temi più sentiti in tema ambientale. I cinque Osservatori sono stati tutti costituti formalmente il 7 dicembre del 2018 con alcune delibere della Giunta comunale, la loro attività è precedente a quella data: l'Osservatorio «Acqua bene comune», per esempio, comincia la sua attività nel 2014, in concomitanza con il «caso cromo VI» nell'acqua bresciana, con l’obiettivo di affrontare l’argomento sotto diversi aspetti, sanitario, ambientale, di comunicazione, coinvolgendo gli enti interessati, esperti e rappresentanti dei vari portatori di interesse. Sorte simile per l'Osservatorio «Aria bene comune», che ha iniziato l'attività nel 2015 e si è ricostituito formalmente nel dicembre 2018: tra i temi affrontati dall’Osservatorio, si segnala lo Studio modellistico per la valutazione integrata dell’inquinamento atmosferico nel bacino padano ed in particolare nel territorio bresciano dell’Università degli Studi di Brescia, promosso e supportato da A2A Ambiente e dal Consorzio Ramet. Esistono anche tre osservatori dedicati ad altrettante realtà produttive della città. Quello su Ori Martin è stato avviato nel 2013, quello relativo al termoutilizzatore è datato 2014, mentre il primo rapporto su Alfa Acciai è datato 2011. Tutti e tre gli osservatori servono a mettere nero su bianco l'impatto ambientale delle due acciaierie e del Tu, coinvolgendo anche associazioni e cittadini residenti nelle vicinanze degli impianti. Un modo per rendere più trasparente l'attività e per risolvere i problemi che, negli anni, si sono presentati nei quartieri che ospitano gli stabilimenti, come l'inquinamento acustico e quello atmosferico. Sul sito del Comune di Brescia, nella sezione dedicata agli Osservatori, è possibile rinvenire tutte le informazioni sulla loro costituzione e sui membri che li compongono (rappresentanti di maggioranza e opposizione, delle aziende coinvolte, cittadini, associazioni, Università di Brescia e tecnici, per dare rappresentanza a tutti gli stakeholder). Ogni Osservatorio ha la sua pagina, in cui sono riportati gli atti relativi al periodo precedente il 2018 e i resoconti di tutte le sedute (in media, una o due all'anno per ognuno), con un verbale degli interventi e i dati salienti presentati nel corso dell'incontro.

In collaborazione con